Cosa vedere a Stone Town – parte 1

Se vuoi conoscere la vera Zanzibar, comprendere a fondo l’isola, immergerti nell’atmosfera romantica del luogo, perderti tra gli stretti vicoli rincorrendo profumi, odori e suoni, la visita a Stone Town è imperdibile.

Stone Town è nota come Mji Mkongwe (“città vecchia” in swahili). È la parte vecchia della capitale di Zanzibar e si trova sulla costa occidentale di Unguja, l’isola principale dell’arcipelago di Zanzibar. Ci sono molti luoghi di interesse e in questo articolo vorrei raccontarti i più interessanti da visitare ed esplorare, ma per farlo hai bisogno di prenderti del tempo. Quindi cosa vedere a Stone Town?

Stone Town può essere esplorata o attraverso un’escursione di un’intera giornata che potrai acquistare direttamente presso (praticamente) qualsiasi struttura alberghiera a Zanzibar, oppure soggiornando direttamente qua per un paio di notti prima o dopo i giorni che deciderai di trascorrere al mare.

Se invece “sei di fretta” il mio consiglio è quello di passeggiare lungo gli stretti vicoli della città vecchia, magari accompagnato da una guida per farti raccontare storie secolari, o ammirare il tramonto da una delle bellissime terrazze con vista sull’Oceano Indiano. O ancora assaggiare le specialità culinarie nei giardini di Forodhani o esplorare le antiche botteghe locali contrattando su ogni singolo acquisto (senza esagerare!). La scelta sulle possibili cose da visitare è veramente molto ampia.

La casa delle Meraviglie

La Casa delle Meraviglie (o Palazzo delle Meraviglie) è uno degli edifici più imponenti, belli e importanti di tutta Zanzibar. È chiamato Casa delle Meraviglie perché è stato il primo edificio dell’isola ad essere dotato di energia elettrica e del primo ascensore in tutta l’Africa orientale. Fu edificato nel 1883 dal sultano Barghash bin Said e fu usato inizialmente come residenza reale. 

La sua storia è molto travagliata perché pochi anni dopo la sua costruzione fu bombardato dalla marina britannica. L’edificio non subì danni alla struttura, ma il faro posizionato in cima all’edificio fu abbattuto e sostituito negli anni da una torre con orologio. In seguito alla rivoluzione di Zanzibar del 1964 è stato sede del primo Governo. Oggi invece ospita il Museo Nazionale di storia e cultura di Zanzibar che contiene al suo interno importanti testimonianze della cultura Swahili. Si racconta che le sue enormi porte intagliate siano le più grandi dell’Africa Orientale. Si trova sul lungomare di Mizingani Road.

10 cose da fare a Zanzibar, palazzo delle meraviglie

Il vecchio forte arabo

Una massiccia fortificazione in pietra con bastioni costruita alla fine del XVII secolo dagli omaniti per difendersi dagli attacchi portoghesi. Negli anni è stata restaurata e oggi ospita all’interno il Centro Culturale di Zanzibar, gli uffici dello ZIFF (Zanzibar International Film Festival) e numerosi negozi.

10 cose da fare a Zanzibar, forte arabo

La Cattedrale Anglicana

Altra cosa da vedere assolutamente durante la tua permanenza a Stone Town è la Cattedrale Anglicana. La Cattedrale di Cristo è stato  il primo edificio religioso anglicano costruito in tutta l’Africa orientale. Si trova in Mkunazini Road, nel centro della città vecchia, presso la piazza che un tempo veniva impiegata come mercato degli schiavi. Fu edificata in soli 7 anni tra il 1873 e il 1879, anno della sua inaugurazione.

La chiesa è piccola ed austera e, dal punto di vista architettonico ed artistico, non è niente di speciale, ma ha un forte valore simbolico poiché ricorda e tramanda di generazione in generazione gli orrori della schiavitù. Oggi è possibile visitare una parte dei sotterranei e delle celle (piccolissime cantine senza finestre, aria fresca e servizi igienici).

cattedrale anglicana di cristo, stone town zanzibar,

La Cattedrale di St. Joseph

Le sue guglie svettano tra i tetti di Stone Town incuriosendo i viaggiatori per poi scomparire una volta inoltrati tra i vicoli di Stone Town. La cattedrale cattolica romana è stata edificata dai missionari francesi alla fine del 1800 e progettata dall’architetto francese Beranger.

La Cattedrale, ancora officiata, ospita all’interno la storia della missione.

cattedrale st joseph, stone town zanzibar,

5.Moschea Misikiti wa Balnara

Chiude questa prima parte dell’articolo sulle cose da vedere durante la tua permanenza a Stone Town la Moschea Misikiti wa Balnara. Questa è la più vecchia tra le moschee di Stone Town. Letteralmente significa Moschea del Minareto di Malindi. È stata costruita nel 1831, ampliata una prima volta nel 1841 e poi di nuovo nel 1890 da Seyyid Ali bin Said, figlio del sultano Seyyid Said. Ricorda che in molti edifici religiosi musulmani non è possibile entrare perché ancora in funzione, ma se sei vestito in modo appropriato (principalmente pantaloni lunghi e braccia coperte – velo sul capo per le donne) potrebbero fare un’eccezione.

Nel prossimo articolo continueremo il nostro viaggio attraverso Stone Town alla scoperta di altre meraviglie. Clicca qui per leggerlo subito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi gli ultimi articoli

Contattami e organizza il tuo viaggio dei sogni!